Dati astronomici

Sole

Sorge
07:41 Ora locale
Tramonta
18:13 Ora locale
Mezzogiorno: 12:57 Local time
Distanza dalla terra: 148811325 km
Dimensione: 0.5359

Luna

Sorge
16:08 Ora locale
Tramonta
03:55 Ora locale
Età: 13.6 giorni
Fase: Crescente
98% Illuminazione
Distanza dalla terra: 391615 km
Dimensione: 0.5086


Primo quarto
16 Oct 2018 18:02 UTC
Luna piena
24 Oct 2018 16:47 UTC
Ultimo quarto
31 Oct 2018 16:42 UTC
Luna nova
7 Nov 2018 16:02 UTC

Primavera
Equinozio di primavera
20 Mar 2018 16:08 UTC
Estate
Solstizio d'estate
21 Jun 2018 10:00 UTC
Autunno
Equinozio d'autunno
23 Sep 2018 01:46UTC
Inverno
Solstizio d'inverno
21 Dec 2018 22:18 UTC

Il Sole senza macchie annuncia la fine del ciclo numero 24

La nostra stella si avvicina al minimo del ciclo di 11 anni che la caratterizza: ecco quali sono le possibili conseguenze.

Il Sole ha un ciclo abbastanza regolare di circa 11 anni. A un estremo del ciclo il numero di macchie solari è rilevante, all'altro estremo le macchie si riducono fin quasi a scomparire. Le macchie solari sono aree della superficie del Sole più fredde delle circostanti, perciò appaiono più scure: si formano a causa di anomalie magnetiche.
Quello che si rileva negli ultimi mesi è che il Minimo Solare dell’ultimo ciclo, il numero 24 da quando vengono registrati, è ormai prossimo.
Non significa che nei prossimi mesi non ci saranno più macchie, ma che andranno via via scemando in numero e dimensioni fino al 2019-20 quando, presumibilmente, si toccherà il minimo.
Negli ultimi anni il numero di giorni senza macchie solari si contava sulle dita di una mano: da adesso in poi ci saranno intere settimane senza nei solari e presto avremo persino mesi senza alcuna macchia sul Sole. La nostra stella, però, non si addormenta e prosegue senza sosta con altre manifestazioni della sua dinamicità e potenza, come il buco coronale osservato recentemente.

Inattese conseguenze.

Un Sole senza macchie non lascia indifferente il nostro pianeta. Ci sarà, per esempio, una riduzione delle emissioni di radiazioni ultraviolette: questo provocherà un raffreddamento dell’atmosfera superiore della Terra, che tenderà a collassare tirandosi dietro la spazzatura spaziale più prossima, che avvicinandosi al pianeta potrebbe infine precipitare, in parte bruciando nell'atmosfera e in parte arrivando fino al suolo.
Una minore intensità del Sole lascerà anche più spazio ai raggi cosmici, fenomeno in realtà già in corso tant’è che, rispetto a pochi anni fa, si è registrato un aumento del 10% di radiazioni cosmiche in prossimità della Terra, con una serie di conseguenze anche sul clima, perché i raggi cosmici influenzano la produzione di nuvole. I raggi cosmici infatti, urtando le particelle dell'atmosfera, contribuirebbero ad aumentare il grado di ionizzazione degli strati atmosferici bassi e, in definitiva, la quantità di particelle cariche libere. Sarebbero proprio queste ultime a favorire l'addensarsi delle nubi, favorendo la formazione di nuclei di condensazione.

Nel grafico è rappresentato il confronto tra l’oscillazione annua della copertura nuvolosa mondiale negli strati bassi dell’atmosfera e l’oscillazione annua del flusso di raggi cosmici sulla Terra. La corrispondenza tra i due andamenti sembra confermare l’esistenza di una correlazione tra i due fenomeni.
Il prossimo ciclo solare, il numero 25, potrebbe essere meno intenso di quello attuale, che terminerà tra il 2019 e il 2020.

Il ciclo che sta per terminare è stato meno intenso rispetto ai precedenti e, secondo molti astronomi, i prossimi potrebbero essere ancora meno intensi. In passato, in concomitanza con cicli molto deboli, la Terra si raffreddò notevolmente, e anche questa potrebbe infine essere una conseguenza inattesa per il prossimo periodo del nostro pianeta.

Il Ciclo Solare 24 raggiunge il minimo un anno e mezzo prima del previsto

Secondo il Laboratorio di Astronomia Solare PN Lebedev Physical Institute in Russia, il ciclo di attività solare ha praticamente raggiunto il suo minimo un anno e mezzo in anticipo rispetto alle previsioni. Dato che il precedente massimo solare avvenuto nel 2012 era risultato uno dei più deboli del secolo scorso, è possibile che stia arrivando un minimo sostanzialmente più “severo”.

Non ci sono state tempeste e disturbi del campo magnetico osservati negli ultimi due mesi relativi all’attività solare, ha riferito il laboratorio in un comunicato stampa. Così, il tempo nello spazio nelle vicinanze del nostro pianeta sta perdendo sempre più la sua connessione con il Sole, che con tutte le indicazioni a nostra disposizione risulta aver già raggiunto già praticamente il periodo basso del prossimo minimo del ciclo solare di 11 anni, un anno e mezzo prima del previsto.

Il risultato di 5.7 SSN del mese di novembre (uno dei principali indicatori del livello di attività solare) è risultato il più basso degli ultimi 8 anni di osservazioni. Per trovare un valore più basso dobbiamo tornare all’agosto 2009.

Anche se la diminuzione del numero di macchie sulla superficie solare è normale per la nostra stella, in questo caso si sta verificando inaspettatamente in anticipo, il laboratorio ha scritto in una versione precedente. “Fino al punto minimo del ciclo solare, ci sono ancora circa 18 mesi, e di solito in questa fase, l’attività delle macchie solari dovrebbe risultare più alta.”

Il numero medio di macchie solari per il mese di settembre è risultato di 43, sceso poi a 13 in ottobre e a 5 in novembre.

È possibile che questo indichi un arrivo più rapido del prossimo minimo solare di quanto ci si aspettasse.

In questi casi, quando gli intervalli tra i minimi solari si sono ridotti da 11 a 10 e anche a 9 anni, essi sono noti nella storia dell’astronomia, ma si sono verificati molto tempo fa – circa 200 anni – periodo che prese il nome di minimo di Dalton.

Featured image credit: NASA/SDO (December 20, 2017)

Dato che il precedente massimo solare del 2012 è risultato uno dei più deboli del secolo scorso, potremmo attenderci un minimo del ciclo 24 sostanzialmente più “severo”.

Se così fosse, è impossibile escludere che l’attività solare stia ora cadendo sul fondo di un ciclo di 100 anni o addirittura di 1000 anni. Anche se la questione della presenza di tali recessioni globali nel Sole è ancora in discussione, l’analisi radiocarbonica di rocce e piante forniscono molte prove dell’esistenza di tali cambiamenti nel passato.


NEWSLETTER
Rimanete aggiornati sulle previsioni meteo con le nostre newsletter.